Comitato Sisma Centro Italia – Confindustria Cgil Cisl Uil

Nel 2018 Confindustria, Cgil, Cisl e Uil  hanno istituito il “Comitato Sisma Centro Italia” con il fine di prestare un aiuto concreto alle popolazioni dei territori delle regioni Lazio, Umbria , Marche e Abruzzo, duramente colpite dagli eventi sismici del 24 agosto 2016 e successivi.

Il finanziamento era rivolto a tutte le iniziative di enti territoriali, associazioni no profit, imprese per il miglioramento dei servizi destinati alla popolazione residente, il rilancio dell’attività economica e il consolidamento dell’occupazione nei territori del centro Italia.

Grazie ad un fondo costituito dalle donazioni dei lavoratori e delle imprese, sono stati approvati e finanziati  104 progetti, in fase di realizzazione da aprile 2018.

Il progetto “Valnerina nel Cuore” nasce dalla volontà di Tulli Ospitalità S.r.l. di contribuire all’integrazione del sistema turistico del territorio, favorendo la tutela e la valorizzazione delle sue vocazioni e risorse e, proponendo nuove opportunità di sviluppo.

L’obiettivo del progetto è quello di intercettare e attrarre nuovi flussi turistici, rilanciando così l’economia locale. Contestualmente, si intende offrire agli abitanti del comune e delle zone limitrofe attività ricreative e sportive innovative, per frenare lo spopolamento dell’area e il conseguente impoverimento del tessuto sociale.

Ad oggi, sono state allestite sale comuni, come la biblioteca e stanze di lettura e si è conclusa la riqualificazione di alcune stanze della Residenza d’Epoca. Nei prossimi mesi è prevista anche la realizzazione di una piccolo centro benessere.

Con il contributo di Confindustria, Cgil, Cisl e Uil è stato installato un campo da Paddle, sport emergente, e attivato un servizio noleggio e-Bike per scoprire i numerosi sentieri della Valnerina e percorrere la vecchia ferrovia Spoleto-Norcia, patrimonio ambientale e paesaggistico nel cuore dell’Umbria.

Abbiamo ritenuto importante implementare un percorso di valorizzazione di prodotti tipici, mediante specifici corsi di formazione, orientati ad adattare i sapori della tradizione alle nuove esigenze dei consumatori, dettate da scelte di vita e alimentazione, come ad esempio vegetariani e vegani, o da particolari intolleranze sempre più diffuse. L’attività formativa prevede anche corsi il lingua inglese per la specializzare e qualificare i dipendenti.

Crediamo che l’ultimazione del progetto possa determinare una significativa ricaduta sulla collettività e sul territorio in termini di occupazione e di valorizzazione. L’investimento, infatti, costituisce non solo una preziosa opportunità di crescita per la azienda, ma dell’intero comparto e la ripresa del turismo, si sa, rappresenta un volano per lo sviluppo del territorio e per l’economia locale.

Comitato sisma centro italia